mercoledì 18 settembre 2013

Manfredi

Cliente: "Mi dai il libro di Manfredi che c'è in vetrina?"

Io: "Certo... Eccolo."

Cliente: "Mmmh. Sicuro che è questo?"

Io: "Sì."

Cliente: "Non so... Aspetta va'." (Esce, poggia il libro sulla vetrina, e sposta un paio di volte lo sguardo fra il Manfredi al di qua del vetro e quello al di là.) "Ok, è questo. Quant'è?"

10 commenti:

  1. Speriamo abbia letto bene il titolo, oggi le copertine sono tutte uguali :P

    RispondiElimina
  2. Sforzo inutile, letto uno (di Manfredi) letti tutti...

    RispondiElimina
  3. Ahahah, chissà perché gli è venuto il dubbio!

    @Carla: nooo, non dire così! Manfredi è stato il mio primo amore letterario (quando ero alle medie, più o meno). Non so come lo troverei adesso, ma di certo, all'epoca, avevo amato ogni sua opera.

    RispondiElimina
  4. è che in vetrina le cose si vedono meglio !

    RispondiElimina
  5. Manfredi chi? Nino?.... Dai, scherzo.

    RispondiElimina
  6. e meno male che quella in vetrina non era l'unica copia... se no, capace che chiedeva "ma non ce l'ha NUOVO?"

    RispondiElimina
  7. Perdita di tempo e di denaro.
    Tempo, la tua.
    Denaro, la sua.

    RispondiElimina