martedì 3 gennaio 2012

Fair point

Cliente: "Ce l'avete il libro tratto da quel film, Un giorno?"

Io: "Ehm, sì. Eccolo. E comunque è il film a essere tratto dal libro, non viceversa."

Cliente: "Davvero?"

Io: "Sì, di solito funziona così."

Cliente: "E allora come spieghi che in copertina ci sono Anne Hathaway e quell'altro?"

20 commenti:

  1. Non potresti nascondere una macchina fotografica dietro al balcone, così ci fai la foto a 'sti disgraziati. Mi piacerebbe vedere che faccia hanno.

    RispondiElimina
  2. No, ti prego... non ci posso credere, anzi, non ci VOGLIO credere!

    Io comunque ho sempre pensato di voler scrivere, prima o poi, un libro tratto da un film, una volta tanto! Secondo te si può fare? :-D

    Auguri di buon anno, a te e a tutti i tuoi lettori!

    RispondiElimina
  3. Esistono già, Biancaneve! Negli Stati Uniti li chiamano "novelization".

    s

    RispondiElimina
  4. i tuoi clienti sfoderano una logica ineccepibile

    RispondiElimina
  5. Io avevo un libro di racconti di Dick con in copertina Arnold Schwarzenegger e ho fatto fatica a convincere un mio amico che era il film (Atto di Forza, per la cronaca) ad essere tratto da un racconto e non il contrario.
    Avevamo 13 anni però.

    RispondiElimina
  6. "Novelization"

    Mannaggia, arrivo sempre tardi. :-D

    RispondiElimina
  7. "quell'altro" è uno che lascia il segno.

    RispondiElimina
  8. Comunque non hai risposto alla domanda. Se è vero che è il film ad essere tratto dal libro come te lo spieghi che la copertina già sapeva quali attori avrebbero scelto come interpreti?
    Come lo spieghi eh?

    ^___^

    RispondiElimina
  9. In realtà anche Anne Hataway e Kuell Althrow (è il suo vero nome) sono tratti dal libro.

    RispondiElimina
  10. Così impari a precisare... :P
    dai retta a me, lascia il mondo com'è, che è meglio -.-

    RispondiElimina
  11. Ultimamente mi pare che la tendenza si stia invertendo. Scrivono libri da film di successo.

    RispondiElimina
  12. Un mio conoscente si stupì tantissimo che qualcuno avesse tratto un libro (peraltro molto massiccio, dunque a suo avviso di difficile se non impossibile approccio) da quel simpatico film fantasy noto come il Signore degli Anelli.
    A tutt'ora peraltro non si spiega perchè, dato il successo dei primi tre film, i nuovi film in uscita (Lo Hobbit parte uno e due) siano dei prequel anzichè dei sequel (a suo avviso sarebbe stato economicamente più sensato).
    Però mi rese molto più perplesso, all'epoca dell'uscita di "Il ritorno del Re", leggere alcuni importanti penne di un giornale nazionale di un certo rilievo ironizzare un futuro composto da soli sequel suggerendo al cinema "Il signore degli anelli parte 4-5-6", ponendola nell'articolo in maniera tale da rendere evidente la loro completa ignoranza sull'effettiva origine cartacea della saga (riuscendo inoltre a inserire anche altri film in più parti presi da romanzi, il cui numero di film era una necessaria derivazione del numero di libri).

    RispondiElimina
  13. Ps: "mio dio stanno continuando Game of Thrones per una seconda stagione, secondo me la prima è stata bella ma non c'era veramente bisogno di farne altre; ad ogni modo *SPOILER ALLERT* N.S. non dovevano proprio farlo morire" (citazione)

    RispondiElimina
  14. dovresti tenere dei cani affamati sotto il bancone. onde poterli cibare in situazioni simili

    RispondiElimina
  15. Vagli a spiegare che Io sono leggenda è del 1954 e in copertina hanno messo Will Smith

    RispondiElimina
  16. dev'essere divertente il lavoro che fai...

    starai sempre a ridere!

    chissà se le tue precisazioni hanno sortito qualche effetto ;-)

    RispondiElimina
  17. Come dire... it doesn't make a fold: nun fa 'na piega! :D

    RispondiElimina