giovedì 5 gennaio 2012

Tutte qui le agende

Cliente: "Sono tutte qui le agende Moleskine?"

Io: "No, quelli sono i taccuini e i quaderni Moleskine. Le agende sono sullo scaffale accanto."

Cliente: "Ah." (Guarda uno scaffale, poi l'altro.) "E la differenza fra quaderni e agende sarebbe?"

22 commenti:

  1. Questa ricorda un po' "Beh, che le settimanali sono settimanali e le giornaliere... giornaliere?" :)

    RispondiElimina
  2. Esatto, le Moleskine richiederebbero un sito a parte :)

    s

    RispondiElimina
  3. :-/ sbigottimento allo stato puro, basta anche solo aprirli per capire la differenza. o sbaglio? ahhahahahahahahahah ... :P

    RispondiElimina
  4. beh l'importante è tirarsela e fare i poeti maledetti con un qualsiasi moleskine, no?

    RispondiElimina
  5. in realtà c'è un significato nascosto nelle parole quaderni e agende ... ma non ci è dato saperlo, dovremo aspettare uno speciale di Voyager

    RispondiElimina
  6. "Con rispetto parlando, se non la capisce da solo/a, è inutile far perdere tempo a entrambi provando a spiegarglielo." - pare che premettendo il 'con rispetto parlando' l'interlocutore non riesca ad avere una percezione esatta del fatto che lo stai insultando...

    RispondiElimina
  7. povero...
    quel cliente ha bisogno di un abbraccio, è vidente che stia passando dei momenti particolarmente difficili...

    RispondiElimina
  8. dimenticavo: a Natale ti ho pensato, quando mia suocera ha regalato a lovefriend un "libro" di Fabio Volo... dopo che le avevo espressamente detto che lvf voleva L'Ultima Profezia del Mondo degli Uomini della De Mari.
    e sai chi l'ha convinta invece per Volo? IL LIBRAIO!!!!!!! O__O

    RispondiElimina
  9. Ok, confesso che ci misi anch'io un attimo a capire. Quando capii e realizzai anche il prezzo delle vere Moleskine, dirottai me stessa verso un'agendina anonima di una marca cino-thailandese.

    RispondiElimina
  10. E' parente di quello che cercava i libri per il concorso da preside?

    Adri

    RispondiElimina
  11. Occhio ai librai che consigliano libri brutti.. Di solito vogliono solo liberarsi delle troppe copie che hanno ordinato..

    s

    RispondiElimina
  12. Hai chiamato un agenDe a sirene spiegate? :D

    RispondiElimina
  13. In libreria qui a Modena ho visto questo:

    Cliente:"Mi scusi, avete La famiglia Winshaw?"
    Libraio:"Sì, ce l'abbiamo anche in formato tascabile"
    Cliente:"E quale sarebbe la differenza rispetto alla versione normale?"
    Libraio:"Adesso le faccio vedere. Vede, questa è la versione normale, mentre questa, più piccola, è quella tascabile"
    Cliente:"...Eeee la differenza quale sarebbe?"

    G.

    RispondiElimina
  14. Fantastico! Ho sentito parlare del tuo blog (o, meglio: abbiamo sentito, mia moglie ed io) e sono (siamo) venuto (/ti) a cercarti... Non posso che unirmi al blog!
    Ma come faremmo noi intellettuali snobboni (è sarcasmo) senza tale fauna? ;-)
    Buon lavoro, e continua a postare!

    Lu

    RispondiElimina
  15. *Ops! Non ho detto dove ne ho sentito parlare: su Radio Deejay (credo fosse quella), rincasando stasera...

    RispondiElimina
  16. Oh bhè, fa il paio con una conversazione surreale avuta stasera davanti a un caffè letterario a Salerno:
    Tizio: chissà perchè in questo posto ci sono tutti questi libri
    Io: perchè è una libreria
    T.: allora posso venire a leggere
    Io: no, per quello si va in una biblioteca
    T.: ma no, io voglio prendere un caffè e leggere tutti i libri
    Io: per leggere i libri gratis vai in biblioteca, qui li compri infatti è una libreria
    T.: sguardo offeso e sorpreso, ma và?

    RispondiElimina
  17. Lu: Radio Deejay? Davvero? Non ne sapevo niente..

    s

    RispondiElimina
  18. Beh dai, c'è di peggio (purtroppo). C'è gente che si cura solo di avere una Moleskine. Agenda, quaderno, rubrica, non fa differenza.

    RispondiElimina
  19. @Stefano
    Sì-sì! E mi ha fatto sorridere proprio perchè ho ripensato a quando è uscito Chéri con in copertina la bellissima Léa de Lonval/Michelle Pfeiffer. Io avevo letto (con adorazione) "Chéri" e "La fine di Chéri" qualche tempo prima in edizione Adelphi (entrambi copertina rossa e senza foto) e mi sorprendeva sentire quelli che si stupivano del libro tratto dal film.... ;-D
    Fantastico!

    A poi,
    Lu

    RispondiElimina
  20. Moleskine?..Carneade.. un pò orientale come voler mettere una "Le" per indicare che non si sta parlando di moschine;o saranno veramente quelle moschine che vanno a posarsi sui libri più grossi in alto all'ultimo ripiano che a sua volta scorporando generano similibri piccini tenuti da un'elastico.."elastico"..per necessità di essere sorretti,librati legati,quando più grandi e grossi occuperanno l'ultimo ripiano là in alto allo scaffale?

    RispondiElimina