giovedì 28 aprile 2011

Certe volte non c'è verso

Cliente: "E' arrivato il libro che avevo ordinato?"

Io: "Qual era?"

Cliente: "Avevo anche lasciato un acconto."

Io: "A-ha. Qual era il libro?"

Cliente: "C'era un altro signore, quando l'ho ordinato. Non lei."

Io: "Ok. Ma qual è il titolo del libro? O a nome di chi l'ha ordinato?"

Cliente: "A nome mio."

Io: "E lei si chiama?"

Cliente: "Ho lasciato cinque euro. Però non a lei. All'altro signore."

Io: "..."

Cliente: "E' arrivato o no?"

9 commenti:

  1. Anche gli agenti segreti ordinano libri... :)

    RispondiElimina
  2. E la privacy dove la mettiamo?
    Inoltre vedo che continui a non cavartela molto bene con le ricerche su quel benedetto pc...
    :-)

    RispondiElimina
  3. è un classico, lo fanno sempre. forse si divertono?

    RispondiElimina
  4. Le cose sono due. O la tua libreria è il ritrovo degli scemi, o è il ritrovo degli stronzi che si divertono a tue spese.
    O forse in realtà sono solo i lettori del tuo blog che vengono e dicono boiate giusto per vedersi pubblicare qui. XD

    Carmen

    RispondiElimina
  5. il tuo blog è la conferma che chi legge libri non dev'essere per forza intelligente. Io però ci provo...

    RispondiElimina
  6. Ok lo ammetto, un pò di tempo fa volevo entrare in un'altra libreria e dire: "scusi, ce l'avete il libro sull'uccello della tamaro?"
    mi è rimasta troppo impressa questa frase, ahahah

    quindi varrebbe l'osservazione fatta da Carmen, ma per un altro libraio :D

    RispondiElimina
  7. Il blog è meraviglioso!!! Ho letto tutti i post, sono veramente troppo divertenti! Complimenti! Tornerò a divertirmi!

    Giacomo
    http://ultimafila22.wordpress.com/

    RispondiElimina
  8. Oddio questa è bellissima ahahahahahahah!
    Complimentoni per il blog!!!!!

    RispondiElimina
  9. In questi casi ci sono due opzioni:

    - lanciargli dietro il libro più voluminoso che hai a portata di mano.
    - rispondergli "mi spiace ripassi quando c'è l' altro signore".

    Vittorio

    RispondiElimina