giovedì 23 dicembre 2010

A libreria piena

(Nota: il software che usiamo per gestire il magazzino taglia il finale dei titoli più lunghi. Così, ad esempio, Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte al computer risulta Lo strano caso del cane ucciso.)

Cliente (dall'ingresso, urlando): "MI SCUSI! AVETE QUALCOSA DI GIULIO CESARE GIACOBBE!"

Io: "ASPETTI CHE CONTROLLO… SÌ, ABBIAMO COME SMETTERE DI FARSI LE SEGHE."

(In libreria cala un silenzio di tomba. Quattro clienti escono sdegnati. Un cane mi ringhia contro.)

10 commenti:

  1. Mi sa che, detto così, è un libro che non interessa a nessuno ;)

    RispondiElimina
  2. AH! e tu lo hai letto?? come si smette?? parlo di quelle mentali s'intende...

    RispondiElimina
  3. I tuoi clienti sono troppo forti.
    Auguri per un sereno Natale
    :)

    RispondiElimina
  4. software predisposto a procurare EPIC FAIL

    RispondiElimina
  5. LOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOL

    RispondiElimina
  6. Questa è una figura di merda epocale! XD

    RispondiElimina
  7. Ciao Stefano!
    Ho da poco scoperto il tuo blog grazie ad un'amica che ha pubblicato il link su una pagina facebook in cui parliamo di libri ('Un buon libro, un ottimo amico'). Ti dico solo che in men che non si dica sei entrato a far parte di diritto della mia barra dei preferiti! Bellissima idea questo blog, complimenti, sicuramente continuerò a seguirti. :)

    Fabi

    RispondiElimina