martedì 23 ottobre 2012

Nella libreria caffè letterario (contributo)

Cliente: "Ah, ma ci sono dei libri in questo bar. Alcuni li vendete pure?"

Commesso: "Tutti. Questa è anche una libreria."

Cliente: "E quanto costano?"

Commesso: "Ehm, dipende, ognuno ha un prezzo."

Cliente: "Però non ne affittate."

Commesso: "No."

Cliente (sfogliandone uno): "E senti, ma questi libri..."

Commesso: "Sì?"

Clienti: "Chi li scrive?"


(Grazie a Davide.)

15 commenti:

  1. Voglio sperare che la persona che ha fatto la domanda non avesse più di cinque anni. :-D

    RispondiElimina
  2. Beh dai, questa è meno strampalata del solito.
    Entri in un bar (o in quello che credi che sia un bar) vedi un sacco di libri in giro al posto della Gazzetta e del quotidiano di cronaca locale. Ti chiedi se sono usati, se li vendono, se li prestano (come la Gazza, appunto), da dove arrivano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma è la domanda "Chi li scrive" che lascia un po' perplessi :D
      Ovviamente li scrive l'autore di ognuno, non è che sono speciali perché sono lì in un caffè letterario (che, personalmente, ritengo una bellissima idea!)

      Elimina
  3. "Ehi, ma sono scritti anche dentro!" (cit.)

    RispondiElimina
  4. ah...
    ah ah...
    ah ah ah...

    AHAHAHAHHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHHAHHAH

    ehm... scusa...

    RispondiElimina
  5. Non è che il calendario dei Maya era selettivo e il 21 dicembre arriva solo per certi elementi? Tipo selezione naturale forzata (così si risparmia pure sui Darwin Awards)... no? Peccato...

    RispondiElimina
  6. Uh, e cosa sono questi parallelepipedi? Guarda, dentro c'è della carta! Ah, come, scusa? Hai detto "libri"?

    RispondiElimina
  7. C'è del genio nella gente!
    Raffaella

    RispondiElimina
  8. "Tutti io. Sono il più grande scrittore vivente, e le converebbe comprarne un po' finché ci sono ancora perché tra qualche anno varranno milioni. Ma certo lei l'avrà capito subito essendo chiaramente un fine intellettuale ... "

    RispondiElimina
  9. ...ce n'è veramente tanta di gente bacata nel cervello... tu me ne dai sempre esempi vari e variegati...

    RispondiElimina