venerdì 12 ottobre 2012

E senza neanche leggere la quarta di copertina



Tutti i grafici.

12 commenti:

  1. OT: Da quando leggo questo blog, evito di chiedere ai commessi titoli di cui non sono assolutamente certo; temo altrimenti di diventare protagonista, mio malgrado, di qualche post.

    L'ultimo l'ho azzeccato per un pelo: "Chronocity, Chronic city, riso, soriso, me vie' da ride..."

    Era "Chronic city" di Lethem, fiuu.

    RispondiElimina
  2. Fai bene! Sono convinta che una buona fetta dei libri cosiddetti "da classifica" si possano tranquillamente descrivere con quelle due o tre parole chiave che ti vengono in mente leggendone il titolo e guardando il disegno di copertina ;-)

    RispondiElimina
  3. Grandissimo. Concordo poi con il commento di La Ucci.

    RispondiElimina
  4. sarebbe da stampare e appendere alle mie spalle in libreria. del resto, le quarte di copertina le hanno inventate apposta...

    RispondiElimina
  5. non hai imparato anche a improvvisare in quelle situazioni in cui, malgrado ti trovi in libreria, non si parla "esattamente" di libri?

    RispondiElimina
  6. Anche io come SpeakerMuto da quando ti leggo ho imparato ad essere precisissima sui libri che voglio comprare o ordinare, mi preparo prima a casa un fogliettino con autore, titolo, casa editrice. Ho il terrore di fare figuracce e di diventare come uno dei tanti clienti che descrivi.
    Se prendo libri dagli scaffali e poi non li compro, allora li rimetto rigorosamente al loro posto. Faccio il possibile per trovare da sola, altrimenti appunto consegno al libraio il fogliettino di cui sopra. Credo comunque che nella libreria di fiducia mi vogliano bene, ormai sanno pure il mio nome e conoscono i miei gusti. :-)

    RispondiElimina
  7. SpeakerMuto e Biancaneve... questa dovrebbe essere la prassi anche senza aver letto questo blog ehehe

    O sono solo io che rimette a posto le cose nei supermercati, nel loro scaffale, se mi accorgo che il prodotto in questione non mi serve??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, quella di rimettere a posto gli oggetti nel loro scaffale sì, mi pare educazione elementare. Però a volte prima mi capitava di andare a chiedere un libro di cui non ricordavo bene il titolo, o l'autore, così facevo perdere tempo al libraio. Ora vado preparata invece. :-)

      Elimina
  8. Mi ricorda http://www.shockdom.com/webcomics/thesparker/2012/07/01/che-vita-di-mecha-100/

    RispondiElimina
  9. mi devo ancora specializzare,ma a volte mi stupisco da sola :)

    RispondiElimina