mercoledì 5 settembre 2012

Un altro buono

Cliente: "Ciao, mi hanno regalato un buono e volevo cambiarlo."

Io: "Ok, vediamo... Aspetta un attimo. Questo è il buono di un'altra libreria."

Cliente: "Lo so."

Io: "Quindi?"

Cliente: "Dài, non farmi arrivare dall'altra parte dell'isola." (Saranno 200 metri, NdA.) "Non puoi chiudere un occhio?"

Io: "No, ascolta, non funziona così. Il buono devi cambiarlo nella stessa libreria che l'ha emesso."

Cliente: "Una libreria è una libreria."

Io: "Sì, ma... E' come se tu pagassi delle mele a un fruttivendolo, e poi andassi a ritirarle da un altro. Lo faresti?"

Cliente: "No, non sono mica stupido."

Io: "Be', è la stessa cosa."

Cliente: "Ma una libreria è una libreria."

22 commenti:

  1. Stefano, il sapere è universale. Vuoi sottrarre la cAnoscenza a quest'uomo? Suvvia.

    RispondiElimina
  2. una rosa è una rosa è una rosa... :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo commento mi è piaciuto più del post! :D

      Elimina
    2. E una strada è una strada è una strada (Sinclair docet). Sia mai che le librerie restino indietro!!

      Elimina
  3. E lo cambierà con un libro,il primo, tanto un libro è proprio un libro, no?

    RispondiElimina
  4. Qualcosa mi suggerisce che il buono libri non fosse un regalo proprio azzeccatissimo per il soggetto in questione. Non so, sai quando hai quelle sensazione inspiegabili...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *sensazioni, pardon.

      Elimina
  5. concordo con Huckleberry...
    ed io pensavo che in libreria certe cose non succedessero!! :)

    RispondiElimina
  6. Che una libreria sia una libreria è già qualcosa: nel caso di quel cliente una certezza - una certezza granitica quanto la sua testa...

    RispondiElimina
  7. ImpiegataSclerata5 settembre 2012 10:59

    Perchè ha risposto no quando gli hai chiesto se è stupido?

    RispondiElimina
  8. Io inizierei ad avere il sospetto di essere perennemente su "Scherzi a parte".

    O su The Truman Show!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la versione sadica, però

      g.

      Elimina
  9. Un pensiero partecipe per il fruttivendolo di questo genio (magari dopo ha cercato di farsi cambiare il buono da lui sostenendo che gliel'avevano consigliato in libreria...)

    RispondiElimina
  10. ...e un idiota è un idiota...

    RispondiElimina
  11. "Non sono mica stupido"
    "Ehmmmmmmmmmmm"
    :)

    RispondiElimina
  12. Non sarà che si è sparsa la voce e vengono a farti gli scherzi?

    RispondiElimina
  13. e uno stupido..è uno stupido ;-)

    RispondiElimina
  14. ('Un occhio', però, si scrive senza apostrofo ;-))

    Adri

    RispondiElimina
  15. Dovresti tenere una scacciacani sotto il bancone, sai, per ogni evenienza.

    RispondiElimina
  16. in effetti una libreria è un servizio sociale, non importa dove sia dislocata, è unita alle altre librerie da un cordone di solidarietà ombelicale :D lo stesso buono si poteva cambiare alla esselunga, non vendono libri pure li'?

    RispondiElimina