martedì 15 novembre 2011

«Non è per me, lo devo regalare»


Tutti i grafici.

13 commenti:

  1. Io non regalerei mai un libro che non leggerei io stessa (compresi quelli per bambini).

    RispondiElimina
  2. Quindi la differenza tra chi l'ha ricevuto in regalo e chi lo possiede è da ricercarsi nella spazzatura?!

    RispondiElimina
  3. In effetti, un paio di persone a cui regalarlo le avrei anche... ma si tratta sempre di nemici :)

    RispondiElimina
  4. ma ne vendete molti? che scempio.

    RispondiElimina
  5. Quindi si deduce dal diagramma che quelli che leggono il nuovo libro di Vespa lo hanno tutti ricevuto in regalo e di converso quelli che lo hanno acquistato per sé poi non lo leggono.
    C'è un mistero da dipanare... che se ne fanno di un libro che poi non leggono?

    RispondiElimina
  6. @Pasquale: pareggiare le gambe di un tavolo, ad esempio :)

    RispondiElimina
  7. Ci sono anche persone per le quali un libro, foss'anche di Vespa, fa sempre un bel vedere. A questo punto sarebbero meglio i libri finti o in svedese dell'Ikea :D
    Adri

    RispondiElimina
  8. In ogni caso, letti o non letti, comprati o regalati, Vespa si arricchisce comunque.

    RispondiElimina
  9. Dalla politica è passato all'amore adolescenziale. Si è moccizzato!

    RispondiElimina
  10. Evidentemente è pieno di gente che fa regali a chi gli sta sul culo.

    RispondiElimina
  11. Geniale... e perfettamente vero.

    RispondiElimina
  12. Praticametne è il regalo che si fa per fare un dispetto a qualcuno... effettivamente Io devo dire mi offenderei molto se qualcuno me lo regalasse!

    RispondiElimina