sabato 27 agosto 2011

Esiste una fobia del genere?

Cliente: "Avete biglietti di buon compleanno?"

Io: "Sì, li trova su quell'espositore laggiù."

Cliente: "Co-così tanti?"

Io: "Ehm, sì, perché?"

Cliente (impallidendo): "E una come fa a scegliere?"

Io: "..."

Cliente (indietreggiando verso l'uscita): "Senta, to-torno più tardi, forse." (Scappa via in preda al panico.)

11 commenti:

  1. Ahahaha!!!!! Certo che la gente è proprio strana!!!

    RispondiElimina
  2. manò, non è fobia, si chiama:
    "non me ne tiene di scegliere"
    io non li tengo tutti esposti.
    la gente quando riceve troppi stimoli si stranisce, gli scoppia la testa.

    RispondiElimina
  3. quella di sopra sò io.
    viola.

    RispondiElimina
  4. E' la fobia del secolo del consumismo sfrenato; anche detta "ansia da acquisto".

    Tempo fa il mio nipotino di nove anni si è messo a piangere in un negozio di giocattoli perché non sapeva cosa scegliere in mezzo a tutte quelle cose.

    RispondiElimina
  5. Ehi non avete mai sentito parlare di analisi-paralisi? http://en.wikipedia.org/wiki/Analysis_paralysis

    RispondiElimina
  6. A me succede l'esatto opposto.. finché non li ho visti tutti non son contenta XD

    RispondiElimina
  7. beh, è il 'Paradosso della scelta': http://en.wikipedia.org/wiki/The_Paradox_of_Choice:_Why_More_Is_Less

    RispondiElimina
  8. A me succede che vi venga un certo inghippo mentale al ristorante ma soprattutto in certe pizzerie che hanno un metro di lista di pizze.

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  9. Mica strano eh!
    A me piace la quantità, mi diverte un mondo, perché mi fa trovare il mio ideale in categorie di oggetti che non mi servono a una beata mazza.

    Però, poi, quando una cosa mi serve davvero e ce ne sono troppe uguali, rimpiango la DDR... poi mi passa, e compro tutto.

    RispondiElimina
  10. Non c'è molto da ridere, ci sono persone che rimangono bloccate o sono prese dall'ansia se c'è da scegliere fra troppe opzioni. Vedi persone nello spettro autistico, per esempio quelle con la sindrome di Asperger.

    RispondiElimina