martedì 5 ottobre 2010

Dài

"Dài, consigliami un libro che è piaciuto anche a te, sono sicuro che andrà bene. L'ho capito che sei strano e pieno di complessi come me."

12 commenti:

  1. Ad aprile ho regalato Revolutionary Road (a prezzo pieno - tra l'altro NON l'ho letto prima) a mia sorella. Qualche giorno fa é venuta a trovarmi a casa, ha tirato fuori dei libri da una busta. "Ti ho portato un pò di libri, nemmeno li ho letti, ma mi danno un impiccio.." Estrae una mescola indicibile, per dirti Clive Cussler insieme a Gadda. "Ah questo" - ha detto afferrando quel Richard Yates in mano con un certo disgusto - "l'ho comprato a una bancarella"
    Poi girandoselo tra le mani: "Guarda: é nuovo nuovo..."

    RispondiElimina
  2. Elena dovevi scrivere la dedica sul frontespizio..!

    s

    RispondiElimina
  3. E' la stessa cosa che mi ha detto mia madre.

    RispondiElimina
  4. Sarà che io so sempre esattamente da dove proviene ogni singolo libro che transita o si ferma sui miei scaffali, dedica o non dedica.
    E poi come si fa a scrivere una dedica regalando un libro che non si é ancora letto. Forse l'errore sta lì..

    RispondiElimina
  5. Non ricordo... Probabilmente un libro invenduto da troppo tempo, ah ah!

    s

    RispondiElimina
  6. stefano adoro la tua ultima risposta!!!
    chuck io consiglierei chuck palahniuk. ma forse è anche troppo semplice. come risposta intendo.

    RispondiElimina
  7. Mmmh, sì, effettivamente l'ultimo di Palahniuk non si sta vendendo un granché..

    s

    RispondiElimina
  8. Cucciolo, se fossi Schulz ne farei un Peanut :D

    RispondiElimina