venerdì 15 aprile 2016

Comandaments

(Grazie a Laura M.)

Cliente: "Ciao, scusa, avete I Comandaments?"

Libraio: "Vediamo... No. E non si può neanche ordinare. Sicuro che il titolo sia quello?"

Cliente: "Certo. C'è anche il film. Sai, il gruppo musicale irlandese..."

Libraio: "Oh, I Commitments! Sì, c'è."

Cliente: "Ah, in italiano l'hanno tradotto così? Chissà perché non hanno lasciato 'Comandaments', è un nome così bello..."

5 commenti:

  1. Questo è fin troppo, ahaha.
    Comunque questo blog mi fa venire una voglia pazzesca di lavorare in libreria - come se non ce l'avessi già di mio.

    RispondiElimina
  2. Hera
    Forse perché "Comandantes" esiste solo nella sua mente.

    RispondiElimina
  3. MA in questi casi tu che strategia adotti? Cioè quando il cliente VUOLE avere SEMPRE ragione e si arrampica sugli specchi tu che fai, gli dici... "no signora scusi, è che si è sempre chiamato così" oppure fai: "eh chissà perché?"

    RispondiElimina
  4. MA in questi casi tu che strategia adotti? Cioè quando il cliente VUOLE avere SEMPRE ragione e si arrampica sugli specchi tu che fai, gli dici... "no signora scusi, è che si è sempre chiamato così" oppure fai: "eh chissà perché?"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, di solito lasciavo correre, anche perché l'energia necessaria a correggere qualcuno che non vuole essere corretto può tornare utile per altre cose..

      Elimina