martedì 29 marzo 2016

Tedesco

(Grazie a Francesca.)

Cliente: "Buongiorno, mi fa vedere un dizionario di tedesco?"

Io: "Certo, eccolo."

Cliente: "Ma... è sicura che sia giusto? Perché l'alfabeto è come il nostro."

Io: Ehm....certo, signora, il tedesco ha il nostro stesso alfabeto."

Cliente (perplessa): "Mmm... sì forse ha ragione: è l'inglese, che ce l'ha diverso!"

8 commenti:

  1. "Che c'é l'ha" non si può leggere, però (a meno che non sia un'arguta critica al livello espressivo della cliente)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si scrive "che ce l'ha" non "che c'è l'ha" (ma non ho capito se il problema è come è scritto)

      Elimina
    2. ...il problema è questa donna, altrochè...

      Elimina
  2. Se la signora ha più di 40 anni, alle elementari le avranno insegnato che J,K,W,X,Y sono "lettere straniere", e che l'alfabeto italiano ha 21 lettere, niente di strano nell'ultima cosa che ha detto. ^^;

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so che età hai tu ma forse volevi scrivere se la signora ha più di 70 anni...

      Elimina
    2. Io ne ho 36 e ho avuto una maestra che ci ha insegnato l'alfabeto "a 21". Poi è ovvio che mi sono aggiornato.

      Ma il senso è che più è alta l'età della signora, più è probabile che bla bla bla

      Elimina
    3. Ho 48 anni e confermo, l'alfabeto aveva 21 lettere, le altre cinque erano trattate come immigrati clandestini: ignorate la maggior parte del tempo, e sfruttate quando non se ne poteva fare a meno.

      E la ipsilon era l' "i greca". Ora ho un collega polacco, e vedo che anche in polacco la chiamano "i greca", o qualcosa del genere. Un professore delle superiori la chiamava "la iucson"...

      C'era una sola parola che iniziava con l'acca, a quei tempi: "humus".

      Elimina