martedì 11 settembre 2012

Tokyo blues

Cliente: "Ciao, ce l'avete Tokyo blues?"

Io: "Sssì, eccolo."

Cliente: "Qui c'è scritto Norwegian wood."

Io: "Lo so, Tokyo blues è il titolo che gli aveva dato Feltrinelli anni fa. Poi Einaudi è tornato a quello originale, Norwegian wood, appunto. Sotto se vede c'è scritto, più piccolo, 'Tokyo blues'."

Cliente: "..."

Io: "Ma è lo stesso romanzo, glielo assicuro."

Cliente (sospira): "Perché in questa libreria rendete sempre tutto così complicato?"

17 commenti:

  1. Una persona che non sa queste cose non merita di leggere un romanzo così bello e pieno di significati.

    Spero che non l'abbia comprato...

    RispondiElimina
  2. eeeee si è proprio colpa del libraio, no? si diverte a cambiare i titoli... per dispetto!

    RispondiElimina
  3. A quel punto dovevi prendere un pennarello e scrivere "Tokyo blues" a caratteri enormi sulla copertina.

    RispondiElimina
  4. già, perché rendi tutto così complicato?
    MagicamenteME

    RispondiElimina
  5. Anche io sono andato in crisi. Non sapevo se acquistare l'edizione Feltrinelli o l'edizione Einaudi... Nonostante quest'ultima fosse di qualità migliore, ho optato con sofferenza per quella Feltrinelli. Comunque, tra i romanzi di Murakami, è quello che mi è piaciuto di meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il più bello per me rimane sempre "L'uccello che girava le viti del mondo": insuperabile!
      Vorrei non averlo mai letto per il piacere di scoprirlo.

      Elimina
  6. Questi librai, che complicano le cose anziché semplificarle!

    RispondiElimina
  7. questo blog è una vera e propria scoperta!

    complimenti

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it

    RispondiElimina
  8. Confessa, durante la notte ti diverti a cambiare i titoli ai libri!!!

    RispondiElimina
  9. Uno si fida del libraio e vedi cosa ti capita...
    questa è disinformazione! :)

    RispondiElimina
  10. No dico, lo sappiamo tutti che Norwegian Wood è il titolo di una canzone, altro che libro.
    a ma che davvero nella trama se ne parla?

    RispondiElimina
  11. Complicatissimo. Ci vuole un QI di 200 per capirlo...

    RispondiElimina
  12. Grazie al Dio delle librerie esistono ancora librari competenti.
    Scommetto che, qui da me, mi avrebbero guardato e risposto: "No, non ce l'abbiamo, ci risulta fuori catalogo"

    RispondiElimina
  13. Ma infatti, perché?
    Lol

    RispondiElimina
  14. In realtà, tu lo sai che ha ragione. In una libreria dove non complicano le cose non sanno che Norwegian wood è lo stesso libro, li fanno uscire dicendogli che è esaurito e più ripubblicato, senza libri ma rassicurati di aver trovato della semplice ignoranza a far compagnia alla loro. Che gente che poi ritorna volentieri in una libreria così.

    RispondiElimina