mercoledì 7 dicembre 2011

Signora Franca, cliente da incubo: vabbè, è uguale


Altri post sulla Signora Franca - CDI.

14 commenti:

  1. ImpiegataSclerata7 dicembre 2011 09:53

    O__O Chissà se fa così anche a casa sua?

    RispondiElimina
  2. Lo fa solo per portarsi via il ... mare.

    RispondiElimina
  3. c'è crisi, la signora franca ti crea lavoro! dici niente!!!

    RispondiElimina
  4. Io odio quelli che fanno così. E quelli che ripongono i libri a casaccio, non rispettando il criterio adottato dalla libreria.
    Una volta nella mia libreria di fiducia io e il libraio (gli ho dato una mano anche io) abbiamo perso mezzo pomeriggio per cercare un libro che qualcun altro aveva riposto male. Il computer gli diceva che era rimasta una copia, ma non si trovava dove avrebbe dovuto essere. Alla fine lo abbiamo trovato in un settore impensabile. Ecco, non so quanti accidenti abbiamo mandato alla persona che aveva avuto la bella idea di riporlo a casaccio :-(

    RispondiElimina
  5. Imparano a far così in biblioteca e per loro non c'è differenza tra i due contesti...

    RispondiElimina
  6. E' per capire quelli che ha già sfogliato e quelli no. Io, fossi stata libraia, la pedinavo ed ad ognuno che metteva male lo rimettevo bene. Non per scortesia, solo perché sono psicopatica e non tollero che i libri non siano messi bene. [possibilmente in ordine alfabetico]

    RispondiElimina
  7. Alla fine sono persone che mancano di rispetto al prossimo, all'altrui lavoro e ai libri.
    Chessepofà? L'umanità è varia :-D

    RispondiElimina
  8. L'umanità sara pure varia, ma allora perché ti si presentano sempre gli stessi cataplasmi?

    RispondiElimina
  9. @ anonimo

    LOL

    E' che la nostra mente tende a dare più rilievo solo a questi cataplas... ehmmm, circostanze eccezionali che emergono rispetto al resto.

    Scommetto che Stefano avrà pure un sacco di clienti "normali", che non fanno storie, che entrano con le idee ben precise, cercano, trovano, comprano. Ma a parlare di loro non c'è gusto, no? ;-)

    E' un po' come per la questione delle famose coincidenze. Quando se ne verifica qualcuna (tipo: penso ad una persona, squilla il telefono, ed è quella persona) consideriamo il fatto in sé come eccezionale, attribuendogli magari un significato particolare.
    Ma che dire invece di tutte le volte che ugualmente pensiamo a qualcuno ed il telefono non squilla? Le mente mette più facilmente a fuoco ciò che esce dalla norma.

    Quindi, fidati, l'umanità è varia, però certamente c'è anche un gran numero di persone rompiscatole e quando ne incontriamo qualcuno, beh, come dire, la nostra attenzione si focalizza su quest'ultimo, non ce ne dimentichiamo facilmente. La signora Franca, se la incontri la noti. E non la dimentichi, ecco ;-)
    Saluti :-)

    RispondiElimina
  10. La signora franca e' metodica.

    Li ripone con la costa al di dentro cosi' riconosce visualmente quelli che ha letto. Sarebbe opportuno pero' quando torna indietro e ha scelto quale comprare, che rigirasse gli altri, tanto per...


    At saludi

    RispondiElimina