lunedì 7 novembre 2011

Soltanto libri

Cliente: "Mi scusi, vendete soltanto libri?"

Io: "Praticamente. Perché?"

Cliente: "Cercavo qualcosa per il mio gatto."

Io: "..."

Cliente: "Sa, oggi è il suo compleanno."

21 commenti:

  1. Dai, questa non ci crediamo! :)

    RispondiElimina
  2. Beh potevi proporre un libro sui cani... così per vedere se si conoscono meglio... gatto e cane! :)

    RispondiElimina
  3. Dai, alcune te le inventi...

    O_O

    RispondiElimina
  4. Giuro su quello che volete che è vero. Alcune sono leggermente modificate per motivi narrativi, ma questa è precisa alla lettera.

    s

    RispondiElimina
  5. Ad aprile compiono gli anni anche i miei di gatti... faccio un salto da te! Organizzati! :)

    RispondiElimina
  6. Forse cercava il Dizionario bilingue italiano-gatto e gatto-italiano 180 parole per imparare a parlare gatto correntemente?

    ImpiegataSclerata

    RispondiElimina
  7. applausi!! questa vince l'oscar per la richiesta più assurda mai sentita!! :D

    RispondiElimina
  8. Non avevi da mostrargli "101 modi per creare un'ottima pelliccia di gatto"?

    E.

    RispondiElimina
  9. Un bel libro di Brosio no?

    RispondiElimina
  10. Mio Diooooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  11. Io ci credo. Le librerie, oggi come oggi che i libri non li vuole più nessuno, devono inventarsi il modo per andare avanti. Dietro le parole del cliente si nasconde un consiglio illuminante: diversificate l'offerta! :)

    RispondiElimina
  12. Quindi: acquistare una bella partita di KITEKAT (o affini) all'ingrosso e mettere le scatolette in vetrina a fianco dell'ultimo Fabio Volo o la saga di Tùailàit ... un grattatoio gigante nel bel mezzo della libreria (stile sbarra per lap-dance) e piccole oasi di erba gatta seminate agli angoli del locale...topi finti a molla che occhieggiano da sotti i tavoli o tra gli scaffali, e quella fragranza inconfondibile di 'eau de Gattare' a rinfrescare l'ambiente...naturalmente agli utenti (felini e no) libertà totale di rifarsi le unghie sui libri, ça va sans dire!

    RispondiElimina
  13. ImpiegataSclerata9 novembre 2011 13:53

    @ Anonimo.... Hai nominato la saga di Tùailàit!!!! Oddio ci sarà un ritorno di fuoco visto che la settimana prossima esce il penultimo film al cine?

    RispondiElimina
  14. A dire il vero l'ho citata in quanto mi pareva che quanto a qualità letteraria si abbinasse bene col Bel Fabione nazionale, ma in effetti con ben due giorni di anticipo sul previsto, il 16 irromperà trionfalmente nelle sale la prima parte dell'ultimo atto della piastrinica saga: Brèkin' dàun, p. 1!!! Immagino che anche nelle librerie sia attesa una massiccia invasione di titoli in vario modo correlati al fenomeno, tra cui il libro di ricette...al sangue (domando scusa).

    RispondiElimina
  15. ImpiegataSclerata9 novembre 2011 17:52

    Però dai, in barba a secoli di letteratura sui vampiri (che l'"autrice" ha affermato di non aver studiato e/o letto prima di cimentarsi), l'idea dei vampiri che glitterano al sole ed altre sue trovate, sono esilaranti... Secondo me con la descrizione del parto della pupattola della coppia più travagliata di Romeo e Giulietta (e che assomiglia al più truculento dei Saw l'enigmista) potrebbe essere stata risolta la faccenda della sovrapopolazione mondiale....

    RispondiElimina
  16. Io rimpiango i VERI vampiri che di giorno se ne stavano a dormire tranquilli nelle loro bare (rischiando anche che qualcuno ne approfittasse per piantar loro un paletto nel petto), uscivano solo di notte e vestivano come distinti nobiluomini (mica li pagavano le grandi firme, a loro!!) e discettavano di filosofia e arte con gli ospiti prima di salassarli...Romeo e Giulietta hanno avuto il buon gusto di togliersi di mezzo entrambi (certo, se la piccola isterica avesse avuto la pazienza di aspettare un secondo...), mentre Bella(?) e Eduard si sono attrezzati per perpetuare (almeno al cinema) il tedio delle loro insipide avventurette...poi, se il lupacchiotto con le labbra tumide si mettesse ogni tanto una maglietta avrebbe qualche speranza di evitarsi sciatalgie tra qualche anno, ma forse gli basta la pelliccia. Scherzi a parte, il vampiro più ganzo dei nostri tempi resta senza dubbio l'umanista Fernand, protagonista delle graphic novels di Joann Sfar il cui capolavoro edito in Italia è 'Il gatto del rabbino', et voilà: siamo tornati al vero argomento del post!:-)

    RispondiElimina
  17. Hai provato a proporre "Storia di una gabbianella e un gatto"? XD

    RispondiElimina
  18. Meglio allora 'Il libro dei gatti tuttofare' di T. S. Eliot (Old Possum's Book of Practical Cats) ... se proprio non vuole leggere, potrà almeno godersi il musical derivato, 'Cats'!

    RispondiElimina
  19. hahahahahahaha
    non ci credo
    HAHAHAHAHAHAHAHAHAH

    RispondiElimina
  20. Questa ti ha preso in giro.

    RispondiElimina