martedì 20 settembre 2011

Boh

Cliente: "Mi scusi, i testi di Psicologia sono tutti qui?" (Indica La bibbia della dieta vegetariana e altri libri di cucina.)

10 commenti:

  1. Forse perchè alle volte "siamo quello che mangiamo"?

    RispondiElimina
  2. Era un test psicologico, non hai capito!?! :)
    Oddio, agghiacciante certa gente...

    RispondiElimina
  3. Quel cliente forse vive - come gran parte di noi - in un mondo liquido. La cucina è cibo, gusto, armonia, idea, creatività, bellezza, desiderio, seduzione, amore, passione, rinuncia, rabbia, comunicazione, crescita, attenzione, sostenibilità, preoccupazione...

    Avrei preso un appunto per un probabile ricollocamento fisico dei testi gastronomici. Forse un percorso diviso solo per sezioni è riduttivo... :-)

    Laura B

    RispondiElimina
  4. Dimmi che gli hai venduto il libro di Benedetta Parodi spacciandolo come Freud!
    dimmelo!

    :D

    RispondiElimina
  5. Ho scoperto il tuo blog un'ora fa. Sono andato a ritroso e ho letto TUTTI i post! Grazie! Mi hai fatto ricordare di quando anche io ero apprendista libraio, quasi rimpiango quei tempi! :D

    RispondiElimina
  6. Da cuoco posso dire che spesso la cucina è come il lettino di uno psicologo... ma non credo basti a motivare l'assurdità di questa domanda :)

    RispondiElimina
  7. Oggi ti ho pensato. Mentre ero ospedale per dei controlli di routine che prevedono una lunga attesa, ho portato con me un libro. Si avvicina uno degli infermieri e mi chiede "Cosa stai leggendo?" ed io "Cosa tiene accese le stelle, di Mario Calabresi". E lui deciso "Certo che ormai scrivono proprio tutti, anche io potrei farlo" eh già... Scrivono tutti... Ma soprattutto PARLANO TUTTI.

    RispondiElimina
  8. Magari aveva un rapporto problematico con il cibo (bulimia, abbuffate compulsive, anoressia ecc.) ;-)

    RispondiElimina
  9. solo la terapia - solo la terapia - solo la terapia -solo la terapia ...

    RispondiElimina
  10. Ti ho scoperto da pochi giorni e sei già una droga. hahahaha. Oh ma quanto ti sputtani a lavorare? Beato te!!!

    RispondiElimina