martedì 22 marzo 2011

A ritroso

Cliente: "Vorrei ordinare questo libro."

(Il cliente mi passa l'eterno, immancabile bigliettino scritto a caratteri indecifrabili sul retro di uno scontrino.)

Io: "Controllo... No, mi dispiace. Non possiamo ordinarlo."

Cliente: "Perché?"

Io: "Il nostro distributore non ce l'ha."

Cliente: "Come mai?"

Io: "Non so, forse non trattano quella casa editrice."

Cliente: "Per quale motivo?"

Io: "Magari è una piccola casa editrice locale."

Cliente: "Cioè?"

Io: "Ehm, avrà un capitale sociale sotto i diecimila euro?"

Cliente: "E quindi?"

Io: "..."

(MEZZ'ORA DOPO.)

Io: "...e si pensa che un fulmine colpendo il brodo primordiale abbia generato il primo amminoacido, da cui poi sono derivate le prime molecole in grado di auto-replicarsi e da lì, in qualche miliardo di anni..."

6 commenti:

  1. C'è tempo per giungere al Big Bang?

    RispondiElimina
  2. lol (e quindi? E poi? E perché? Ma quanti anni aveva il cliente? Perché sembrano tante le domande a catena che fanno i bambini) ;-)

    Sai che c'è? Che oggi siamo abituati ad avere tutto e subito, e la gente, a volte, non si rassegna all'idea che no, quella cosa, al momento non è disponibile, bisogna cercare altrove ecc.

    Io ti invidio, quanto vorrei lavorare in una libreria ;-)

    RispondiElimina
  3. E io invidio te perché non ci lavori.. :)

    Il libro era di argomento molto tecnico, il titolo non me lo ricordo..

    s

    RispondiElimina