sabato 18 marzo 2017

I dieci libri preferiti di Irvine Welsh

Ogni settimana il "New York Times Magazine" chiede a un personaggio famoso di elencare i suoi dieci libri preferiti per la rubrica "My Bookshelf, Myself".

Questa settimana toccava a Irvine Welsh, l'autore di Trainspotting, il cui seguito cinematografico è uscito in questi giorni anche in Italia.

Tra i suoi libri preferiti, Welsh elenca Cent'anni di solitudine, di Garcia Márquez:
«Musica sotto forma di parole. (…) Quasi mi odio per amarlo così tanto, ma è così.»
L'Ulisse, di Joyce:
«Ho letto questo libro in ogni decade della mia vita adulta e ci ho sempre trovato qualcosa di diverso.»
Il grande Gatsby, di Scott Fitzgerald:
«Nessuno nel mondo anglosassone è mai stato capace di scrivere frasi come quelle di quest'autore.»
Underworld, di DeLillo:
«Puoi leggere questo libro, vedere come si sono ridotti gli Stati Uniti adesso e metterti a piangere».
American Psycho, Bret Easton Ellis:
«Leggi questo libro insieme a Fight club e ottieni gli USA.»
Per leggere lo "scaffale" completo – contenente anche Burroghs, Kelman, King e altri – clicca sull'immagine qui sotto.



Vedi anche: Gli 86 libri consigliati da Barack Obama durante i suoi due mandati presidenziali.

Nessun commento:

Posta un commento