giovedì 2 maggio 2013

Prima o poi doveva succedere

(Davanti alla libreria passa una delle tante scolaresche in gita.)

Ragazzino (affacciandosi dentro): "Scusa!"

Io: "Sì?"

Ragazzino: "A Frittole con l'antani."

Io: "Eh?"

Ragazzino: "Suca!"

Compagni di classe: "AH AH AH."

25 commenti:

  1. Che adorabili frugoletti!!
    L

    RispondiElimina
  2. Una generazione fa giustamente il ragazzino si beccava una legnata nei denti. Oggi come oggi stanno mandando in merda il paese con sto buonismo da 4 soldi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una legnata per una supercazzola? O_O mi sembra un tantinello esagerato no?

      Elimina
    2. Non ha mica fatto danni. Ha fatto una goliardata.

      Elimina
    3. E di tutto rispetto direi...

      Elimina
    4. nah una generazione fa il libraio avrebbe tirato un bestemmione, rincorso il ragazzino fino alla soglia dell'attività, avrebbe agitato il pugno, e poi basta perché ovviamente si rende conto che è una coglionata e chissenefrega.

      Elimina
    5. Ehhhhhhhhh questi giovani d'oggi, e non ci sono mica più le mezze stagioni!

      (riguardo alle supercazzole e le generazioni: un'occhiata ad Amici miei di Monicelli ;D)

      Elimina
    6. Se manca il rispetto per gli adulti manca TUTTO. E poi abbiamo pure il coraggio di lamentarci...

      Elimina
    7. Stefano potrebbe restarci male se lo chiami "adulto"! :-)
      Gian

      Elimina
    8. O tempora! O mores!
      la storia ritorna eh... ed era ridicola già allora :)

      Elimina
  3. MERAVIGLIOSO!
    (LOL)

    v

    RispondiElimina
  4. ma dai è troppo bello. bravo stè che l'hai messo!

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. è una supercazzola (vedi google e capirai)

      Elimina
  6. Eeehhh, mi dispiace ma un Fiorentino, specie della mia generazione, NON si sarebbe fatto cogliere impreparato...

    ISA

    RispondiElimina
  7. Il tormentone supercazzola... non c'è rifugio!

    RispondiElimina
  8. chissà perché portano in giro le scolaresche

    RispondiElimina
  9. Altri due o tre di questi e potremmo riprendere a sperare.

    RispondiElimina