lunedì 6 agosto 2012

Guai a dargli una busta trasparente



Tutti i grafici.

10 commenti:

  1. "Il Tromba"?
    Cos'è che è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uno "storico" fumetto porno che andava per la maggiore secoli fa (sob!) nelle sale d'attesa dei barbieri e (appunto) nelle edicole della stazione (magari incellofanato insieme all'altro best seller 'Corna vissute') ... se non erro il protagonista aveva una forte somiglianza con Adriano Celentano (almeno di faccia, per tutto il resto bisognerebbe chiedere al Molleggiato, o a sua moglie). Complimenti alla signora E. L. James (al secolo Erika Leonard) per aver ricondotto alla lettura una fetta di popolazione orfana delle grandi graphic novel pecorecce anni '70-80.

      Elimina
  2. T___T
    Il massiccio successo di Cinquanta sfumature di mmmerda mi deprime un sacco. Non è un novità, non è originale, non è ben scritto, non ha una trama... è un libro brutto. Un libro brutto in cui due si dilettano biblicamente. Perché? Perché? T___T

    RispondiElimina
  3. Il problema è che fa schifo anche come porno, visto che la 'scrittrice' ha vergogna nell'usare parole perfettamente neutre come pene e vagina (utilizza piuttosto 'proprio lì', 'il coso' ed espressioni del genere).
    Inoltre: se il sadomaso consistesse in un paio di sculacciate durante il sesso, saremmo tutte delle mistress.

    RispondiElimina
  4. Li ho letti tutti e tre pensando di conoscere un mondo di cui non avevo mai letto nulla, di capire perchè certe persone sono così e cosa provano i sadomaso con le loro pratiche.
    In realtà non mi sembra di aver imparato niente.
    Mi è sembrato piuttosto un simil-Harmony un po' spinto.
    Mi ha deluso e l'ultimo ho faticato a finirlo perchè di una noia mortale.
    Concordo con i commenti sopra: non è ben scritto e non ti tira fuori niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... a parte i soldi buttati per acquistarlo!:) - comunque hai centrato il segreto del suo successo: sono romanzetti rosa travestiti da maialate che ammiccano alle lettrici facendo loro credere di svelare i loro più profondi desideri erotici ... ciò che attira in realtà è la solita variante sull'amore tormentato ma in fondo salvifico e a lieto fine, il resto son frustini e guepière che manco il peggior Tinto Brass ti propina più.

      Elimina
  5. Ugh, grazie per avermi informato cosa NON dovrò mai comprare.

    RispondiElimina
  6. Io sono dell'idea che qualsiasi falso intellettualismo da strapazzi avanza..il libro può piacere o no, certamente non siamo qui a parlare del nuovo tolstoj, ma sono contenta che quelle casalinghe "disperate, insoddisfatte e sessualmente poco istruite" si siano lette 1500 pagine, e spero che a molte di loro abbia aperto le porte dello sconfinato mondo dei libri, dove tutto è cultura. Tutto, sia chiaro. Ognuno ha i suoi pareri, ma consiglio di non sentirsi troppo...troppo, spero di essermi spiegata. Buona letturaaaa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spiacente: NON tutto è cultura. E quanto alle casalinghe, le stimo abbastanza per ritenere che meritino letture più alte e, nondimeno, più eroticamente stimolanti. Non mi sento 'troppo troppo' nel sostenere che una boiata pazzesca resta una boiata pazzesca: al massimo mi metto al livello di un Fantozzi qualunque. Trovo molto più 'falsintellettualistico' rivalutare sempre qualsiasi ciarpame con la scusa che 'almeno fa leggere chi non legge': una moda dura fino al sorgere di quella successiva, e resta circoscritta nel proprio recinto autoreferenziale. La letteratura erotica, poi, è sempre a forte rischio di ridicolo: ci son caduti scrittori ben più dotati di M.me Leonard, la quale però si dimostra assai più abile esperta di marketing editoriale e psicologia del consumatore ...

      Elimina
  7. Sto ancora ridendo pensando al grafico.
    Grazia

    RispondiElimina